trancetto ai profumi di Sicilia

Chiamarlo cheese cake no.

Anche se il procedimento è lo stesso, la composizione di questo dolce è ricca di prodotti della mia terra, la Sicilia, con il loro sapore unico e insostituibile: la ricotta di pecora del caseificio del posto…. le arance sanguinella raccolte personalmente ( e che sono una esclusiva siciliana) con il  loro rosso denso che ricorda la lava… le mandorle di Avola con la loro forma a cuore…

Insomma di NY c è poco… ma passo subito alle dosi.

Per una teglia 20 cm con cerniera ho usato

  • 150 gr di frollini
  • 80 gr di burro fuso

Questa è la base. Ho tritato grossolanamente i biscotti, aggiunto il burro che ho fatto fondere gradatamente nel microonde, mescolato e versato in uno stampo a cerniera rotondo, rivestito con carta forno. In frigo a rassodare.

Per crema alla ricotta

 

  • 100 gr di Philadelphia
  • 60 gr di zucchero a velo
  • 5 gr di colla di pesce in fogli
  • 2 cucchiai di latte
  • 300 gr di ricotta di pecora asciutta

 

 

 Mettere a bagno in poca acqua la colla di pesce. Nel frattempo con una frusta mescolare la ricotta con lo zucchero a velo e aggiungere la Philadelphia .E’ importante che la ricotta sia ben scolata e asciutta altrimenti il cmposto potrebbe risultare piuttosto molle e potrebbe essere necessaria più colla di pesce. Scaldare al microonde i  due cucchiai di latte e inserirvi la colla di pesce ben strizzata dall’ acqua. Farla sciogliere bene e unirla al composto di formaggi. Mescolare bene e versare sopra i biscotti per fare il secondo strato della torta. In frigo.

 

Per la gelèe

  • 100 ml di succo di arancia sanguinella e mandarino
  • 50 gr di zucchero semolato
  • 4 gr di colla di pesce

A bagno la colla di pesce in poca acqua. Ho spremuto succo  d’ arancia con l’ aggiunta del succo di 1 mandarino che addolcisce,  fino ad arrivare a 100 ml. Filtrato e messo sul fuoco con lo zucchero per pochi minuti. Aggiunto la colla di pesce e mescolato bene. Quando tiepido ho formato il terzo strato del dolce, versando il succo sulla crema di ricotta. In frigo per almeno 4 ore: più rimane, più si compatta.

Sformare e gurnire con filetti di mandorla al naturale.